Capibara: i giganti roditori gentili con un sistema immunitario “super”!

capybaras

Nella ricerca contro il cancro, un aiuto ci viene dalle grandi dimensioni. Il capibara è un roditore “gigante”, il più grande al mondo, con una massa pari a 60 volte quella del parente più vicino. Niente paura, non vi capiterà di incontrarlo per caso, a meno che non viviate in Sud America. E comunque, sarebbe con ogni probabilità un incontro piacevole. Sono animali docili e amichevoli: non è raro sorprenderli in compagnia di altre creature, che spesso ne approfittano anche per…” chiedere un passaggio”, come nella foto. Oltre a essere gli inconsapevoli protagonisti di scatti divertenti, i capibara hanno anche evoluto una strategia unica per difendersi dal cancro…usando il sistema immunitario!

Gli animali di grossa taglia hanno più cellule che proliferano e dunque saremmo portati a pensare che si ammalino di cancro più spesso…ma è proprio così? Teoria e pratica non sempre combaciano, specialmente in biologia. Se l’argomento vi incuriosisce, leggete i nostri articoli sul paradosso di elefanti e balene (https://bit.ly/2RGx6J7 e https://bit.ly/2Hq1rXo): nonostante le loro dimensioni colossali, raramente hanno il cancro. È ragionevole pensare che per gli animali giganti l'evoluzione abbia escogitato strategie, spesso stravaganti, per contrastare il rischio di cancro.

Roditori giganti
I roditori sono generalmente molto piccoli. C'è più di una buona ragione per questo: più si è piccoli, più si riesce a sgattaiolare via e sfuggire ai predatori. I capibara sono roditori atipici: gli adulti raggiungono tra i 105 e i 135 cm di lunghezza e pesano tra i 35 ei 65 chili, con punte di 70 kg per alcuni esemplari. Vivono sulle sponde del fiume e dei laghi, nelle paludi e in generale nei luoghi umidi delle zone tropicali e temperate del Sud America, dove i loro antenati giunsero circa 40 milioni di anni fa. I capibara sono quelli "grandi" della famiglia: i loro parenti sono tutti roditori di dimensioni normali. Ma perché questo aumento delle dimensioni corporee?

capybaras1

Forse i capibara sono cresciuti semplicemente perché…hanno potuto! Quando giunsero in Sud America, non c'erano quasi predatori: nessuno da cui fuggire, quindi perché rimanere piccoli? Ma anche essere “enorme” ha il suo prezzo: densità delle popolazioni più basse, tempo di generazione più lungo, tassi di riproduzione inferiori...e soprattutto, bisogna escogitare qualcosa per scongiurare il rischio di cancro!

La risposta nel DNA

Possiamo ipotizzare che i capibara siano cresciuti di più di un ordine di grandezza grazie all'assenza di predatori ... ma come è stato possibile?

Se ci occorrono risposte, possiamo cercarle nel DNA. Gli scienziati hanno scoperto che questi roditori hanno una particolare forma di insulina che fornisce alle cellule energia a sufficienza per proliferare di più. E per quanto riguarda il cancro?

Esaminando il genoma del capibara, gli scienziati hanno scoperto due geni associati al riconoscimento delle cellule tumorali e alla soppressione tumorale mediata dai linfociti T.

Il loro sistema immunitario è particolarmente efficiente nel riconoscere e distruggere le cellule tumorali. È buffo: i capibara hanno "inventato" l'immunoterapia prima di noi!

Per quanto ne sappiamo, questa strategia è unica, persino tra gli animali di grandi dimensioni. Anche noi vogliamo usare il sistema immunitario per combattere il cancro e forse possiamo imparare qualcosa da questi grossi simpatici roditori.

Erika Salvatori

Fonte:
Santiago Herrera-Álvarez, et al. How to make a rodent giant: Genomic basis  and tradeoffs of gigantism in the capybara, the world’s largest rodent. bioRvix

Tags: sistema immunitario “super” capibara

Login Form

Veterinary Immunotherapy and Translational Research

Contatti

  • E-Mail:

    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Policy

VITARES
© Copyright 2019
Tutti i diritti riservati.