Sei interessato alle ultime novità nel campo dell’Immunoterapia del Cancro in campo Umano e Veterinario?
Segui i nostri Magazine

 
 
 

dolphins alzheimer

Intelligenti e curiosi, amano interagire con i propri simili e spesso anche con l’uomo. I delfini ci somigliano, più di quanto pensiamo… nel bene e nel male. Sono infatti l’unica specie selvatica al mondo in cui è stata riscontrata una forma di Alzheimer simile a quella umana. Un modello “naturale” che ha riscosso l’interesse degli scienziati, aprendo un filone di ricerca sull’Alzheimer che aiuterà a contrastare la malattia anche negli esseri umani.

Tags: Alzheimer Delfini

Continua a leggere

nanobodies alpacas CART

Sono originari del Perù, buffi da guardare, mansueti e intelligenti. Se vi state chiedendo cosa c’entrino gli alpaca con il cancro, non vi preoccupate: del resto, anche i ricercatori lo hanno capito solo di recente. Precisamente nel 1989, quando due studenti scoprirono per puro caso un segreto celato da sempre, forse perché nessuno aveva mai pensato di controllare. Il mammifero sudamericano possiede degli anticorpi “in miniatura: più piccoli dei nostri, possono raggiungere anche i bersagli più ostici. I ricercatori del Boston Children’s Hospital hanno usato i cosiddetti “nano-anticorpi” per superare uno dei grandi limiti delle cellule CAR-T, quello dei tumori solidi.

Tags: nano-anticorpi contro i tumori solidi

Continua a leggere

bites

Gli anticorpi monoclonali sono i “proiettili intelligenti” dell’immunoterapia, per la loro capacità di colpire solo molecole specifiche. Alcuni riconoscono le proteine espresse dalle cellule tumorali; altri legano i recettori sulla superficie delle cellule immunitarie. E poi ci sono quelli che fanno entrambe le cose. Una classe di anticorpi chiamati BiTE (bi-specific T cell engager antibodies) è in grado di interagire contemporaneamente con un linfocita T e con una cellula tumorale, creando un “ponte” che aiuta il sistema immunitario ad annientare il cancro.

Tags: Anticorpi bi-specifici

Continua a leggere

sharks

Squalo bianco: il solo nome suscita apprensione. È la specie di squalo più pericolosa al mondo e ha più di un asso nella manica: le sue ferite guariscono velocemente; vive a lungo e raramente si ammala di cancro. Da poco, il suo genoma è stato completamente sequenziato: finalmente, conosciamo i geni responsabili di questo suo straordinario adattamento alla vita. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Pnas.

Tags: squalo bianco genoma indistruttibile

Continua a leggere

bats influenza

I virus dell'influenza A identificati nei pipistrelli nel 2012 usano un particolare recettore per infettare le cellule, la cui identità è rimasta a lungo un mistero. I ricercatori dell'Università di Zurigo hanno finalmente scoperto chi è la molecola incriminata: ma attenzione, perché non ce la hanno solo i pipistrelli. È diffusa, con piccole differenze, tra tutti i vertebrati. La ricerca è stata pubblicata su Nature.

Tags: Influenza A pipistrelli

Continua a leggere

dog car t

Terapia con cellule CAR-T: al momento, sono solo gli esseri umani a beneficiarne, ma le cose potrebbero cambiare. La Scuola di Medicina Veterinaria presso l'Università della Pennsylvania è l'unico istituto al mondo che sta portando questa sofisticata tecnologia nella clinica veterinaria, per curare i cani malati di cancro. Grazie alla passione e alla competenze di ricercatori e veterinari, i nostri amici animali potrebbero accedere presto alle stesse terapie già disponibili per gli esseri umani e avere una possibilità in più contro il cancro.

Tags: CAR-T cane linfoma

Continua a leggere

Login Form

Veterinary Immunotherapy and Translational Research

Contatti

  • E-Mail:

    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Policy

VITARES
© Copyright 2019
Tutti i diritti riservati.