Influenza A, il virus dei pipistrelli potrebbe infettare altre specie

bats influenza

I virus dell'influenza A sono stati identificati nei pipistrelli nel 2012. Come tutti i virus, si legano infettano le cellule agganciando un particolare recettore sulla sua superficie. Ma la sua identità è rimasta a lungo un mistero. I ricercatori dell'Università di Zurigo hanno finalmente scoperto quale è la molecola incriminata. E non ce la hanno solo i pipistrelli. È diffusa, con piccole differenze, tra tutti i vertebrati. La ricerca è stata pubblicata su Nature.

Non solo Covid-19: perché il pipistrello è l’ospite ideale per i virus?

Coronavirus

Un sistema immunitario particolarmente efficiente rende il pipistrello l’ospite ideale per un grande numero di virus a rischio di “spillover”. Non solo Covid-19: anche l’ebola, la Sars, il virus Nipah e molti altri hanno compiuto il "salto" nell’essere umano proprio da questo mammifero. Ma il problema è anche il comportamento umano, che sta accelerando la trasmissione di malattie dagli animali selvatici alle persone.

Veterinary Immunotherapy and Translational Research

Contacts

  • E-Mail:

    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Veterinary Immunotherapy and Translational Research
  • C.F. 97903190581

Policy

VITARES
© Copyright 2020
Tutti i diritti riservati.